Da parecchio che non parlavo del sistema CraftBeerPi ed oggi vorrei spiegavi come faccio a connettermi al sistema per la gestione della cotta e della fermentazione da mio iPad o dal PC.

Purtroppo dove produco e dove fermento non ho la disponibilità del Wi-Fi e non riesco nemmeno ad inserire un ripetitore o un power-line poiché la connessione risulta molto lenta e per aggiornare i dati ci mette una vita. Googolando un pochetto ho trovato una guida che trasformasse il Raspberry in un access point senza internet, una sorta di connessione diretta. Più volte ho provato la guida ma senza soddisfacenti risultati ma basandomi su di essa e smanettando un po’ sono riuscito a connettermi e a visualizzare i dati elaborati da CraftBeerPi.

Vediamo insieme quali parametri ho modificato in Raspbian e quali applicazioni ho scaricato per far funzionare tutto.

Attenzione tutte le operazioni vengono fatte da terminale (LXTerminal). Non rispondo di eventuali danni al sistema o al SBC e pertanto non mi assumo nessuna responsabilità.

La prima operazione da fare è scaricare le due applicazioni necessarie, Hostapd e Dnsmasq con questo comando:

sudo apt-get install dnsmasq hostapd

La seconda operazione prevede di impostare un indirizzo IP statico per l’interfaccia di rete ovvero wlan0 quindi digitate:

nano /etc/dhcpcd.conf

Alla fine del file aggiungiamo:

denyinterfaces wlan0

Apriamo ora il file di configurazione delle interfacce di rete:

sudo nano /etc/network/interfaces

Nel file modifichiamo o aggiungiamo i parametri per la wlan0:

allow-hotplug wlan0
iface wlan0 inet static
address 192.168.1.1
netmask 255.255.255.0
network 192.168.1.0
broadcast 192.168.1.255

Ora bisogna riavviare la configurazione

sudo service dhcpcd restart
sudo ifdown wlan0; sudo ifup wlan0

Ora bisogna aprire il file di configurazione di hostapd con il comando

sudo nano /etc/hostapd/hostapd.conf

e modificarlo in questo modo

## Interfaccia di rete da utilizzare
interface=wlan0
## Driver scheda di rete
driver=nl80211
## SSID rete (nome della rete)
ssid=CBPi-Net
## Usa 2.4 Ghz
hw_mode=g
## Usa il canale 6
channel=6
## Abilita 802.11n
ieee80211n=1
## Abilita WMM
wmm_enabled=1
ht_capab=[HT40][SHORT-GI-20][DSSS_CCK-40] ## Accetta tutti gli indirizzi MAC
macaddr_acl=0
## Usa la sicurezza WPA
auth_algs=1
ignore_broadcast_ssid=0
## Specifica versione WPA in WPA2
wpa=2
## Usa una chiave precondivisa
wpa_key_mgmt=WPA-PSK
## Password della rete
wpa_passphrase=raspberry (potete metterne una a piacimento e che ricorderete sempre)
rsn_pairwise=CCMP

Per verificare che il nostro Access Point è funzionante digitiamo questo comando:

sudo /usr/sbin/hostapd /etc/hostapd/hostapd.conf

Se la configurazione è andata a buon fine vedremo apparire l’SSID assegnato. Una volta verificato il funzionamento premiamo i tasti Ctrl+C per fermare il test e continuiamo a modificare il file di configurazione digitando il seguente comando:

sudo nano /etc/default/hostapd

Troviamo la linea #DAEMON_CONF=”” e sostituiamola con DAEMON_CONF=”/etc/hostapd/hostapd.conf”

Come ultima cosa, ci manca il settaggio dell’Ipv4 forwarding

sudo nano /etc/sysctl.conf

Togliamo il # all’inizio della riga net.ipv4.ip_forward=1

sudo iptables -t nat -A POSTROUTING -o eth0 -j MASQUERADE
sudo iptables -A FORWARD -i eth0 -o wlan0 -m state –state RELATED,ESTABLISHED -j ACCEPT
sudo iptables -A FORWARD -i wlan0 -o eth0 -j ACCEPT

Per far si che la configurazione di iptables non si perda al primo riavvio eseguiamo

sudo sh -c “iptables-save > /etc/iptables.ipv4.nat"

Ora apriamo rc.local con sudo nano /etc/rc.local e subito prima di exit0 incolliamo questa riga:

iptables-restore < /etc/iptables.ipv4.nat

Nel caso in cui volessimo tornare indietro basta eliminare la riga appena inserita è tutta la configurazione andrà persa in parte o completamente.

Per far funzionare il tutto dovrete infine riavviare il vostro Raspberry.

Ora non vi basta che prendere il vostro dispositivo mobile e connettervi al raspberry. Però non è semplice come sembra. La prima volta che vi collegherete ci metterà un po’ di tempo. Inoltre l’indirizzo IP dovrà essere seguito dalla porta 5000 che ovviamente è quella per accedere a CBPi.

Spero di essere stato chiaro con questa guida se così non fosse stato potete contattarmi lasciando un commento oppure tramite telegram.