Primo post, prima (presunta) infezione

Primo post, prima (presunta) infezione

Oggi avrei dovuto imbottigliare 10 litri di Imperial Stout. Invece per la prima volta della mia breve carriera da homebrewer ho ricevuto una brutta sorpresa. Un principio di infezione. Con mio grande rammarico stavo per versare tutto in lavandino e buttare via quel fermentatore ormai attaccato dal nemico. Ma alcuni si chiederanno perché non ha buttato tutto? Vuole conservarsi qualcosa di non bevibile o avvelenare qualcuno? Assolutamente no vedrò più avanti cosa ne dovrò fare, magari una Sour Imperial Stout.

Ma vediamo che cosa ha potuto scatenare l’infezione. Tutte le operazioni sono state fatte precisamente come le ho fatte altre volte ed ho effettuato le varie pulizie come sempre. Lavo il fermentatore prima dell’uso con dell’acqua calda di rubinetto e una buona dose di OXY a lo faccio riposare per una mezz’ora circa e prima del raffreddamento del mosto lo lascio sgocciolare per bene, dopodiché procedo al raffreddamento con il controflusso e relativo travaso nel fermentatore, inoculo il lievito e chiudo tutto come sempre, controllando più volte che sia chiuso correttamente e ripongo così in cantina.

Dopo l’imbottigliamento lo lavo prima con un normalissimo detersivo per piatti e poi faccio una spruzzata di metabisolfito per evitare l’annegamento di lievito selvaggi, lo faccio sgocciolare per bene e lo avvolgo in una busta di cellophane, tipo quella degli abiti, fino al prossimo utilizzo.

Quindi da cosa è scaturita l’infezione: non lo so.

Per ora posso solo dire che mi devo munire di un nuovo fermentatore per le prossime cotte.con ansia

AGGIORNAMENTO 20.07.2017: consultandomi con altre teste bacate come me, che guardando altre foto della presunta infezione, hanno decretato che tutto quello che c’è sulla superficie del mosto sono solo residui di non si sa che cosa di preciso e quindi che avrei potuto comunque procedere all’imbottigliamento. Ho deciso così di seguire il consiglio e che procederò all’imbottigliamento augurandomi che non succeda nulla durante la rifermentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *